Guida alle isole del Vietnam : mare, spiagge e molto altro

Le isole del Vietnam, meno famose di quelle della vicina Thailandia, possono offrire panorami spettacolari e mare stupendo.
Da nord a sud, passando per il centro, ecco un elenco completo delle isole vietnamite.
Ce n’è per tutti i gusti; da quelle più selvagge a quelle più turistiche, passando per piccoli gioiellini frequentati solo dai locali.
Il Vietnam, insomma, è un Paese stupendo e non delude neanche per quanto riguarda il mare e le isole.
Ecco le isole da non perdere.

IL MARE IN VIETNAM NON E’ SOLO ISOLE, SCOPRI TUTTE LE LOCALITÀ SULLA COSTA

isole del vietnam

ISOLE DEL VIETNAM: CAT BA

L’isola di Cat Ba, nel nord del Vietnam, è un ottimo punto di appoggio per visitare la Baia di Ha Long.
Da qui infatti partono ogni giorno tour economici che permettono di esplorare la famosissima Baia
SCOPRI QUI COME VISITARE HA LONG BAY PARTENDO DA CAT BA 

Come raggiungerla:

Cat Ba è facilmente raggiungibile da Hanoi con dei minivan turistici. Il costo è di circa 250.000 dong e il viaggio dura 5 ore.

Aspetti positivi e cosa vedere:

L’isola è un ottimo punto d’appoggio per visitare Halong Bay. Il punto panoramico (ingresso a pagamento) permette di godere di un meraviglioso paesaggio.
E’ inoltre presente un caratteristico e colorato mercato locale, da non perdere.

Aspetti negativi:

Delle 3 spiagge presenti – raggiungibili a piedi dal centro – 2 sono interessate da rumorosi lavori e la terza è piccola e frequentatissima da turisti cinesi… non proprio rilassante.
In ogni caso vale la pena anche solo fare una passeggiata sul panoramico sentiero che le collega, a picco sulle scogliere.

Non partire senza la guida Lonely Planet del Vietnam.
Scopri la storia del Vietnam attraverso i racconti di Tiziano Terzani.

ISOLE DEL VIETNAM: CU LAO CHAM

Cu Lao Cham è un piccolo arcipelago di 8 isole a pochi chilometri da Hoi An, la città delle lanterne.
Natura, grotte e spiagge sono i motivi per visitare queste piccole isolette, inserite tra i patrimoni dell’Unesco.

Come raggiungerle:

Ci sono due modi per raggiungere Cu Lao Cham.
Il primo è con un tour in canoa partendo dalla spiaggia Cua Dai di Hoi An. Il costo è di 150.000 vdn (circa 6 euro) a persona.
L’altro modo per raggiungere le isole è con una speed boat che parte alle 7:00 dal porto di Bach Dang oppure alle 8:00 da Cua Dai. Il costo è di 30.000 vnd per un viaggio di 20 minuti circa.

Aspetti positivi e cosa vedere:

Natura e cultura si sposano perfettamente a Cu Lao Cham.
Tra i luoghi da non perdere dal punto di vista naturalistico ci sono:
– Bai Bac e le grotte naturali da esplorare;
– Bai Ong e Bai Chong sono le spiagge più turistiche e attrezzate;
– Bai Xep è la spiaggia più selvaggia e meno frequentata.
Per quanto riguarda l’aspetto culturale, a Cu Lao Cham si trovano un interessante museo, Hai Tang – una pagoda di circa 300 anni, un antico pozzo e il villaggio di pescatori di Huong.

Aspetti negativi:

La vicinanza con Hoi An, uno dei luoghi più turistici di tutto il Vietnam, fa sì che anche l’isola sia molto frequentata e affollata.
Questo ovviamente si riflette in prezzi più alti (in alcune spiagge si paga l’accesso) e servizi turistici che ne intaccano l’autenticità.

isola di cat ba - baia di halong

ISOLE DEL VIETNAM: LY SON

Posizionata al largo delle coste della provincia di Quang Ngai, Ly Son (conosciuta anche come Cu Lao Re) ospita circa 50 templi, spiagge rilassanti, punti panoramici e piantagioni di aglio… tanto aglio.

Come raggiungerle:

Le barche per Ly Son partono dal porto di Sa Ky ogni giorno. Il porto si trova a circa 22 km dalla città di Quang Ngai (7 km a nord di My Khe Beach). Gli orari delle partenze variano in base all’affluenza, al meteo e alla stagione. Il costo è dirca 95.000 vnd e il viaggio dura circa 1 ora e 30.

Aspetti positivi e cosa vedere:

Tra le principali attrazioni di Ly Son ci sono sicuramente le piantagioni di aglio che ricoprono l’isola, rendendola davvero particolare.
A questo si aggiungono i circa 50 templi presenti, molti dei quali costruiti sulla cima delle colline, dai quali si gode di una vista stupenda.
Per i più avventurosi è possibile anche arrampicarsi sul monte Thoi Loi oppure nuotare nella vicina Bo Bai (letteralmente Piccola Isola).

Aspetti negativi:

Le spiagge presenti sull’isola non sono adatte alla balneazione. Si tratta infatti di calette rocciose, con scogli e sassi.
L’isola è, inoltre, frequentata prevalentemente da turismo vietnamita quindi tutte le strutture e le attrazioni sono pensate per loro… Diciamo che per un turista occidentale possono sembrare parecchio kitsch!

ISOLE DEL VIETNAM: CON DAO

Quello di Con Dao è un arcipelago di 16 isole, la maggior parte delle quali disabitate.
Natura selvaggia e un storia affascinante sono le principali ragioni per visitare Con Son, l’isola più grande dell’arcipelago.

Come raggiungerle:

L’isola di Con Son può essere raggiunta comodamente via aerea con la compagnia VASCO (Vietnam Airlines), oppure con un viaggio un po’ più avventuroso in nave.
I traghetti partono dal porto di Vung Tau alle 17:00 solo nei giorni di mare calmo (tendenzialmente da Marzo a Luglio) e il viaggio dura circa 12 ore.
Il costo è di 250.000 vnd a persona e le barche non sono grandissime quindi le onde si sentono parecchio.
Una volta arrivati al porto sull’isola di Con Son, è necessario prendere un taxi per raggiungere il centro della città (circa 50.000 vnd).

Aspetti positivi e cosa vedere:

Questo arcipelago ha un passato davvero interessante. Oltre al fatto che sembra Marco Polo sia passato da qui, le isole furono usate in passato come prigioni durante l’era coloniale e nella guerra del Vietnam. Famose con il nome di “tiger cages” (gabbie delle tigri) le vecchie prigioni sono oggi visitabili dai turisti.
Oltre a questo, l’isola presenta moltissime spiagge dove è possibile prendere il sole, nuotare o mangiare pesce freschissimo.
Bai An Hai Beach è la spiaggia più vicino alla città e anche quella più turistica.
Per trovare luoghi inesplorati è necessario munirsi di motorino e visitare Mui Ca Map e Nhat Beach nel sud dell’isola.

Aspetti negativi:

Sicuramente l’aspetto più negativo è la difficoltà nel raggiungere queste isole. Anche per l’aereo, infatti, non è semplicissimo acquistare i biglietti. Ovviamente questo si traduce anche in prezzi più alti sia per i cibi che per gli hotel e le strutture presenti.

ISOLE DEL VIETNAM: DAO HAI TAC

Dao Hai Tac, letteralmente “l’isola dei pirati”, è un piccolo gioiellino non distante da Ha Tien.
Aperta al turismo straniero soltanto nel 2018, resta un luogo autentico e perfetto per una gita di una giornata o due.
SCOPRI QUI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COSA VEDERE E COME RAGGIUNGERE DAO HAI TAC – L’ISOLA DEI PIRATI

Aspetti positivi e cosa vedere:

L’isola di Dao Hai Tac misura circa 7 km di circonferenza, questo significa che è facilissima da esplorare a piedi.
Il vero punto di forza di questa isola è che, essendosi aperta da poco al turismo estero, si riceve un’accoglienza davvero unica.
Stare sull’isola, anche per una notte, permette di vedere da vicino la vita dei pescatori vietnamiti che popolano Dao Hai Tac.
E poi c’è la storia dei pirati e del tesoro… davvero affascinante!

Aspetti negativi:

Le spiagge non sono grandissime o particolarmente degne di nota, ma l’atmosfera che si respira sull’isola, compensa perfettamente questa mancanza.

ISOLE DEL VIETNAM: PHU QUOC

La più famosa e la più grande isola del Vietnam, è conosciuta per il suo mare azzurro e le spiagge bianche.
Dalla posizione si direbbe appartenere più alla Cambogia che al Vietnam.
La maggior parte dell’isola è un parco marino, l’altra parte invece appartiene ai resort.

Come raggiungerla:

I traghetti per Phu Quoc partono dal porto di Ha Tien e da Rach Gia diverse volte al giorno.
Il viaggio ha durata diversa a seconda del tipo di nave.
La slow ferry impiega circa 3 ore e mezza, il costo è di 185.000 dong.
Barche più veloci hanno un costo che va dai 250.000 dong a 350.000 dong.

Aspetti positivi e cosa vedere:

Mare e spiagge stupende! Sono questi i due motivi per fare un salto a Phu Quoc.
Ce n’è per tutti i gusti…
La spiaggia di Sao Beach è per chi cerca le comodità, musica e ombrelloni.
Starfish beach e Kem Beach sono per chi ama le spiagge selvagge e l’acqua cristallina.
E poi c’è Ganh Dau Beach, con il famoso tempio dedicato allo spirito del pescatore che cercò di opporsi alle forze francesi.

Aspetti negativi:

Purtroppo Phu Quoc ha due grandi problemi.
Il primo è lo stesso che affligge l’intero Vietnam…l’immondizia.
Le uniche spiagge realmente pulite sono quelle davanti ai resort di lusso. Questo perché i vietnamiti non hanno alcuna sensibilità nei confronti delle tematiche ambientali. Nessuno ricicla e per tutti è normale lasciare in spiaggia i sacchetti di plastica o i contenitori usati per il picnic.
Il secondo problema è il turismo che sta trasformando completamente l’identità di questa tranquilla isola con spiagge stupende.
Un esempio è il mercato notturno che è stato abolito per permettere una migliore viabilità!

SCOPRI DI PIÙ SUL VIETNAM

Share it!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *