Traffico in Vietnam: è davvero così folle? (Video)

traffico in vietnam video
CLICCA SULL’IMMAGINE PER IL VIDEO

Prima di mettere piede in Vietnam non sapevamo esattamente cosa aspettarci, anche se in tanti ci avevano anticipato ”Vedrete il traffico in Vietnam!”, “Semplicemente folle!” “I motorini sono letteralmente ovunque”.
In tre mesi abbiamo calcato le strade che percorrono il paese da nord a sud e raggiunto decine di posti, sia in città che in campagna, con tutti i mezzi possibili.
Siamo saliti su bus, treni, traghetti, barche a remi, barche a motore e abbiamo affittato motorini, biciclette e biciclette elettriche. (SCOPRI QUI DOVE SIAMO ORA)
E possiamo dirlo: il traffico in Vietnam è folle ma…
In questo post proviamo a raccontare alcuni dettagli da tenere a mente per sopravvivere al pazzo e sregolato traffico vietnamita.

traffico in vietnam

TRAFFICO IN VIETNAM: LA CATENA DEL TRAFFICO

Hai presente la catena alimentare che ti insegnano quando vai a scuola? Quella con il leone che si mangia la gazzella, che si è mangiata l’erba ecc…
Ecco, quella si applica perfettamente al traffico in Vietnam:
I CAMION sono i re indiscussi della strada. Hanno dei clacson così potenti che assordano gli altri utenti in modo da farli intontire e spostare.

Al secondo posto, gli AUTOBUS. Si distinguono dai precedenti perchè sono leggermente più piccoli e perchè in genere il rumore del clacson assomiglia più a una canzoncina (la retromarcia in particolare!).

Al terzo posto ci sono le AUTOMOBILI. Poco importa il modello, la cilindrata o l’età dell’auto se c’è una cosa che accomuna la maggior parte degli automobilisti vietnamiti è la tipica espressione da “vecchietto al volante” (per non essere volgari!). Alla guida sono parecchio imbranati. Mettono la freccia a sinistra ma poi vanno a destra. Tagliano gli incroci, immettendosi nelle vie nella corsia contromano. Guardano il cielo o urlano al cellulare mentre guidano. Insomma, sanno di essere piuttosto fortunati nel loro terzo posto nella catena e se la spassano.

Al quarto posto i MOTORINI che meritano decisamente un paragrafo a parte (vedi sotto!) perchè sono davvero un fenomeno su cui la scienza dovrebbe fare ricerche. Tantissimi, senza regole, trasportano qualunque cosa e vanno ovunque!

Al quinto posto a pari merito BICICLETTE e PEDONI su cui non c’è molto da dire se non che non hanno alcun diritto. Nella catena alimentare della scuola, sono praticamente l’erba che si è mangiata la gazzella.

DOPO AVER LETTO QUESTA PRIMA PARTE TI STAI CHIEDENDO SE IL VIETNAM SIA PERICOLOSO? DAI UN’OCCHIATA QUI

TRAFFICO IN VIETNAM: IL CODICE DELLA STRADA

Il codice della strada in Vietnam non esiste.
Questo paragrafo potrebbe finire così. Basta infatti osservare un incrocio in una qualunque città vietnamita per rendersi conto che non esiste una regola.
Non esistono stop. Non esistono sensi di marcia. I semafori sono solo lucine colorate. Le distanze di sicurezza si misurano in chcchi di riso.

In Giappone la gente guida a sinistra.
In Cina la gente guida a destra.
In Vietnam non importa.

TRAFFICO IN VIETNAM: I MOTORINI SREGOLATI
Sì, i motorini sono DAVVERO ovunque. Sembra che i vietnamiti non sappiano vivere senza…
Lo usano per trasportare cibo, animali, mobili (altro che DHL!!), lastre di ghiaccio (!!), specchi, tubi, mattoni.
Non c’è nessun limite a quello che si può caricare su due ruote…quindi anche trasportare 4/5 persone contemporaneamente non è affatto strano!
E, soprattutto, sembra che non se ne vogliano mai separare. Ogni luogo è raggiungibile in motorino: spiagge, strade fangose, parchi, montagne.
Insomma: dove noi, ragionevolmente, non ci avventureremmo mai su due ruote, un vietnamita non vedrebbe ostacolo alcuno.

Per questo i motorini sono anche apprezzatissimi taxi. E’ il caso dei mototaxi GRAB che ti portano ovunque a qualunque ora del giorno, a prezzi bassi e ti forniscono anche il casco da mettere.
Altro aspetto che è importante tenere presente sono i numeri. Più del 50% dei 90 milioni di vietnamiti ha un motorino. Una cifra folle anche perchè sicuramente nessuno lo tiene parcheggiato in garage!!!

traffico in vietnam

TRAFFICO IN VIETNAM: COME ATTRAVERSARE LA STRADA

In questo scenario apocalittico, sembra impossibile farsi un giro a piedi in una città vietnamita.
Per non rischiare di svenire al primo incrocio (con o senza semaforo cambia poco) ecco alcune semplici regole:

  • Attraversare con i locali: soprattutto le prime volte che attraverserai una strada in Vietnam, vorrai farti prendere per mano da qualche vecchietta con indosso il NòN Là. Hanno tantissima esperienza quindi importante imitare il passo, il tempismo e l’atteggiamento.
  • Camminare con passo sicuro e non fermarsi: non esiste un codice della strada ma la regola “EVITA L’OSTACOLO” è sicuramente l’unica cosa che insegnano nelle scuole guida vietnamite (sempre che esistano!). Se attraversando ti mostrerai tranquillo e padrone della situazione, lo sciame di motorini ti saprà evitare.
    La tecnica migliore per attraversare il fiume in piena di motorini è NON guardare.
    Sembra folle? Forse un po’ sì.
    Ma se si aspetta il momento in cui la strada sarà libera, si rischia di invecchiare sul marciapiede.
    Testa alta, passo deciso e via, si attraversa.
    Lo stesso non vale con auto e camion. In quel caso sarai tu a dover evitare loro.
  • Non dimenticare la catena del traffico (vedi sopra): ricorda sempre che il pedone non conta nulla quindi occhi bene aperti  OVUNQUE. Perchè in Vietnam il marciapiedi non è pensato SOLO per i pedoni, i venditori ambulanti e i ciclisti. E’ anche lo spazio adatto per i motorini che vogliono evitare la coda o per le macchine (soprattutto taxi) che caricano e scaricano persone.

La vita del pedone in Vietnam non è semplice. Ma se si sta attenti e si seguono poche semplici regole, anche il traffico in Vietnam può diventare una cosa interessante da raccontare al ritorno da un viaggio in questo splendido Paese.

ORA CHE SAI COME SOPRAVVIVERE AL TRAFFICO VIETNAMITA, SCOPRI QUALI ALTRE CURIOSITA’ E LUOGHI IMPERDIBILI CI SONO 

Share it!

Traffico in Vietnam: è davvero così folle? (Video) ultima modifica: 2018-05-26T17:28:33+00:00 da Angy&Paolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *