Prelevare in Giappone: carte o contanti?

Come prelevare soldi in Giappone? Come pagare? Meglio usare carte o contanti?

Il Giappone è un paese molto moderno dove l’uso delle carte e dei bancomat per pagare è largamente diffuso. Ci sono però alcune situazioni in cui è necessario avere con sé del denaro contante. Pensiamo ad esempio ai piccoli ristoranti gestiti da locali, ai mercatini, sui mezzi. Insomma, avere degli YEN rende la vita molto più semplice. Cambiare i soldi prima di partire, però, è spesso molto complicato, ha tempistiche lunghe e i tassi sono spesso poco vantaggiosi. Ecco quindi una guida completa per prelevare/cambiare euro quando ci si trova già in Giappone.

Non partire senza la guida Lonely Planet per il Giappone.

Metti in valigia l’adattatore universale per le prese di corrente.

PRELEVARE IN GIAPPONE: PREMESSA

La moneta utilizzata in Giappone è lo YEN. 1€ vale circa 120 Yen. I tassi di cambiano variano però molto velocemente, per questo consigliamo di consultare il seguente sito per avere i valori aggiornati in tempo reale. Per conoscere il cambio EUR/YEN clicca qui. I tagli disponibili per le banconote sono di 1 000 ¥, 5 000 ¥, 10 000 ¥; mentre per le monete 1 ¥, 5 ¥, 10 ¥, 50 ¥, 100 ¥, 500 ¥.

Potrebbe interessarti anche:
Quanto costa il Giappone? La guida completa con tutti i costi

CAMBIARE CONTANTI IN GIAPPONE

Cambiare Euro in Giappone è piuttosto semplice. E’, infatti, sufficiente rivolgersi a una delle tante banche con sportello per il cambio valuta. Generalmente i tassi applicati sono quelli indicati dal valore della borsa quel giorno. Lo svantaggio del cambiare soldi nelle banche sono gli orari. Gli sportelli, infatti, sono aperti generalmente dal Lunedì al Venerdì dalle 9:00 alle 17:00. Fuori da questi orari, è necessario trovare delle soluzioni alternative per cambiare soldi. Sconsigliati sono, invece, i piccoli negozietti cambio-valuta che hanno generalmente tassi di cambio peggiori. Per evitare, comunque, di venire “truffati” con tassi di cambio davvero troppo bassi, il nostro consiglio è di verificare sempre prima quale è il valore Euro/YEN quel giorno.

Scopri di più sulla guida per “VIAGGIARE LOW COST CON 10€ AL GIORNO: LA NOSTRA ESPERIENZA DI UN ANNO IN ASIA” (leggi qui l’estratto)

CAMBIARE CONTANTI IN AEROPORTO

Se si atterra in Giappone e non si hanno Yen a disposizione, l’unica soluzione è quella di cambiare i propri Euro negli uffici degli aeroporti. Mentre negli altri Paesi del mondo è quasi sempre sconsigliato cambiare in aeroporto perché i tassi sono generalmente pessimi, in Giappone la cosa è un po’ diversa. Nei principali aeroporti, infatti, vengono applicati tassi molto simili a quelli che si trovano una volta arrivati in città.

SCOPRI QUI LE MIGLIORI CARTE PER VIAGGIARE

ALCUNI CONSIGLI PRIMA DI PARTIRE

Prima di partire per il Giappone è importantissimo avvertire la propria banca dell’imminente viaggio. E’ vero, il Giappone non è forse tra i primi Paesi che vengono considerati ad alto rischio per la clonazione di carte, ma è comunque meglio non rischiare. Per questo consigliamo di segnalare al proprio istituto bancario che si desidera utilizzare la propria carta o il proprio bancomat durante il viaggio. Questa procedura è anche utile per capire se ci sono particolari opzioni attivabili sul proprio conto che permettano di risparmiare qualche euro.

Mettersi in contatto con la propria banca, anche online, serve a capire quali sono le commissioni applicate per i prelievi all’estero, se si tratta di spese fisse o % sul tasso di cambio. Questo passaggio è molto utile per capire anche se convenga attivare una nuova carta di credito magari con commissioni molto più basse. Esistono infatti carte con commissioni quasi nulle che si possono attivare online in pochissimo tempo. PER MAGGIORI INFORMAZIONI SULLE MIGLIORI CARTE DA UTILIZZARE IN VIAGGIO CLICCA QUI.

E’, infine, importantissimo verificare se il PIN che si utilizza per i prelievi in Italia è lo stesso anche all’estero, questo vale soprattutto per le carte bancomat o per le prepagate.
Ottenute tutte queste informazioni e chiarimenti, si può decisamente partire tranquilli!

PRELEVARE IN GIAPPONE: QUALI CARTE SONO ACCETTATE

Praticamente tutte le carte e i bancomat vengono accettati per i pagamenti in Giappone. Ci riferiamo qui alle carte del circuito Mastercard/Visa o del circuito Maestro/Cirrus per i bancomat. In genere, quindi, anche le carte prepagate come Postepay o Postepay Evolution funzionano poiché si appoggiano ai circuiti Mastercard/Visa. Per sicurezza, comunque, nel caso delle prepagate consigliamo di contattare anticipatamente l’istituto di credito per verificarne il funzionamento anche in Giappone.

PRELEVARE IN GIAPPONE: QUALI ATM UTILIZZARE

Gli ATM migliori per prelevare in Giappone sono quelli presenti dentro i famosi minimarket 7-Eleven.  Utilizzare questi ATM ha due importanti vantaggi. Il primo è che non vengono applicate commissioni di prelievo con carte estere. Questo vuol dire che si pagheranno solo le eventuali commissioni applicate dalla propria banca. Il secondo vantaggio è sicuramente dato dal fatto che i 7-Eleven sono molto diffusi in tutto il Paese e generalmente sono aperti 24 ore su 24, 7 giorni su 7. In alternativa ai 7-Eleven, si possono utilizzare gli ATM degli uffici postali o quelli della banca CityBank. Gli altri istituti di credito difficilmente accettano carte estere.

Share it!

 

beyond the trip ebookCiao, siamo Angela e Paolo e a gennaio 2018 siamo partiti per un viaggio a tempo indeterminato. Da allora giriamo il mondo con un budget di 10€ al giorno.

SCOPRI TUTTO NEL NOSTRO LIBRO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *