Viaggio in India costo

Quando si organizza un viaggio in India, le spese da mettere in conto sono parecchie.
Dal volo al visto, passando per gli hotel e i trasporti.
Non è facile calcolare nel dettaglio il costo di un viaggio in India perché molto dipende da come si decide di affrontare questa avventura.
Noi, ad esempio, abbiamo un budget molto basso, meno di 10 euro al giorno.
Quindi le scelte che facciamo sono indirizzate verso hotel o ristoranti locali che hanno un prezzo molto basso.
E’ un modo di viaggiare che a noi piace ma che non è per tutti.
In questo articolo cercheremo, quindi, di indicare il costo di un viaggio in India per diverse tipologie di viaggiatori e budget, dal più basso al più alto.
Ecco le spese da tenere presente quando si organizza un avventura nel subcontinente indiano.

Immergiti nell’atmosfera indiana con uno dei romanzi più belli: Shantaram

Organizza al meglio il tuo viaggio con la guida Lonely Planet del Rajasthan

viaggio india costo

Viaggio in India costo: le spese prepartenza

Ci sono almeno 3 voci di spesa da considerare quando si organizza un viaggio in India:

1) Il volo

Questa voce di spesa varia molto a seconda di alcuni fattori come il periodo in cui si decide di viaggiare e con quanto anticipo si fa la prenotazione.
Per un volo andata/ritorno per l’India dall’Italia, con uno scalo, i prezzi partono dai 300 euro ma possono arrivare ai 700/800 euro se si viaggia in “periodi di punta” come Natale e Capodanno.
Ad Agosto, invece, essendo stagione di monsoni, i prezzi dei voli sono più bassi.
Il problema sono le temperature indiane…
Si deve essere pronti a piogge e caldo afoso!
Il sito che consigliamo per farsi un’idea del costo dei voli è SkyScanner, anche se poi è sempre meglio prenotare direttamente sul sito della compagnia aerea.

2) Il visto

Esistono diverse tipologie di visto per l’India che variano a seconda della durata e dell’intento del viaggio.
Per soggiorni per scopo turistico è possibile richiedere l’eVisa.
La procedura è da fare esclusivamente online e il costo varia a seconda della permanenza da un mese a un anno.
Per tutte le informazioni sulla procedura per l’eVisa, CLICCA QUI

3) Le vaccinazioni e l’attrezzatura

Alle due voci di spesa appena descritte, vanno aggiunte quelle relative a:
Vaccinazioni da fare
In questo caso, l’unico consiglio è contattare il centro vaccini della propria ASL per chiedere se e quali vaccinazioni è meglio fare.
In base al periodo e alla zona visitata, i vaccini consigliati variano di molto.
Assicurazione di viaggio
Indispensabile per stare tranquilli durante qualsiasi viaggio fuori dall’Europa, scegliere l’assicurazione viaggio adatta non è semplice.
Va fatta una ricerca approfondita di cosa è coperto, i massimali ed eventuali extra.
Tra le compagnie assicurative consigliamo:
Columbus Direct

– Allianz
E’ possibile farsi un’idea dei costi attraverso i loro siti web oppure contattandoli telefonicamente.
Attrezzatura
L’ultima voce di spesa prepartenza riguarda sicuramente l’attrezzatura che si desidera portare con sé durante il viaggio.
Dallo zaino o valigia, passando per l’abbigliamento e le fotocamere o videocamere.
Noi siamo dell’idea che viaggiare leggeri semplifichi di molto il viaggio, quindi da più di un anno viviamo con uno zaino da 50 litri e uno da 10.

Viaggio in India costo: gli alloggi

Definire il costo degli alloggi non è semplice perché vari fattori influiscono su questa voce di spesa.
Dal periodo, alla location, al grado di comfort desiderato, in India ci sono alloggi praticamente per ogni tipologia di viaggiatore.
I prezzi per una stanza possono scendere fino a 3 euro a notte per una matrimoniale e raggiungere i 500 euro a notte negli hotel più lussuosi.
Insomma, ce n’è per tutti i gusti e per tutte le tasche.
Per farsi un’idea dei costi degli alloggi, consigliamo di visitare il sito di Booking.com

Viaggio in India costo: il cibo

La cucina indiana, si sa, è una delle migliori al mondo.
E’ ricca di sapori complessi, di spezie e di dolcezza.
La si può assaggiare nei banchetti di strada ma anche nei ristoranti di lusso.
E varia molto tra nord e sud del Paese.
Noi, nonostante il nostro budget basso, non abbiamo avuto alcun problema ad assaggiare ogni piatto della cucina indiana.
Il segreto per noi è stato accontentarci e sederci ai banchetti di strada o nei ristoranti gestiti da locali, dove un thali (pasto completo) può costare dai 0,50 euro a 1,50 euro.
Per chi, però, ha un budget più alto, l’India non delude e, soprattutto nelle grandi città, è possibile pranzare o cenare in ristoranti con standard occidentali, o anche meglio.

Potrebbe interessarti anche:
Cibo indiano: tutti i piatti da non perdere
Il Chai indiano, i segreti di questo buonissimo tè

Viaggio in India costo: i trasporti

Fare un viaggio itinerante in India è sicuramente il modo migliore per apprezzare diversi aspetti di questo fantastico Paese.
Anche in questo caso le opzioni sono varie e per tutte le tasche.
Eccone alcune, dalla più economica alla più costosa:

I TRENI

Sono sicuramente il mezzo più economico e più “folcloristico” per viaggiare in India.
I prezzi dei biglietti variano a seconda della classe di viaggio scelta:
General class: non c’è posto assegnato e il biglietto si può comprare direttamente in stazione fino alla partenza del treno;
Sleeper class: il posto è assegnato e se si viaggia di notte si ha a disposizione una specie di brandina per sdraiarsi. Per i viaggi notturni, meglio prenotarla in anticipo, approfittando della “Foreign quote”(quota per stranieri) se disponibile, oppure della “Tatkal quote” cioè una quantità di biglietti messa in vendita alle ore 11 del giorno precedente al viaggio.
3AC – 2AC – 1AC: classi che prevedono il posto assegnato singolo, l’aria condizionata e a seconda del livello includono anche pasti.
Per farsi un’idea dei prezzi e degli orari dei treni, consigliamo di scaricare l’applicazione IXIGO

GLI AUTOBUS

Anche per quanto riguarda gli autobus, sono disponibili diverse opzioni a seconda del budget.
Si passa dagli economici e sgangherati autobus governativi, ai più costosi e comodi autobus e minivan di compagnie private.

I TUK TUK

Onnipresenti in India, questi autorickshaw non c’è bisogno di cercarli perché saranno loro a trovarti.
Difficile stabilire il costo medio di una corsa perché tutto dipende dalle proprie capacità di contrattazione!

GLI AUTISTI PRIVATI

Per chi preferisce viaggiare comodo e senza dover organizzare il proprio itinerario in base agli orari di autobus e treni, un modo per girare l’India è attraverso tour o autisti privati.
Dobbiamo essere onesti, non abbiamo molte conoscenze in merito a questo modo di viaggiare.
L’unico consiglio che diamo è di scegliere con cura la compagnia/autista che si sceglie perché la fregatura in India, è sempre dietro l’angolo.

Viaggio in India costo: extra

Difficile stabilire in anticipo quali saranno i costi degli extra quando si organizza un viaggio in India.
Molto dipende da quale zona del Paese si visita.
In Rajasthan, ad esempio, l’ingresso ai forti delle principali città prevede un biglietto che va dalle 200 alle 500 rupie.
Se si decide di andare al Taj Mahal, il costo del biglietto è di 1300 rupie.
Al contrario, se si visita il Tamil Nadu, tutti i templi hanno l’ingresso gratuito.
Oltre alle spese per la visita alle principali attrazioni del Paese, negli extra vanno sicuramente inseriti anche i costi per eventuali souvenir da riportare a casa al termine del viaggio.
Qui però stabilire una spesa in anticipo è praticamente impossibile perché tutto dipende da quanto ci si fa affascinare e stregare dalla manifattura indiana.

Per altre informazioni utili per organizzare un viaggio in India, clicca qui.

Share it!

 

beyond the trip ebookCiao, siamo Angela e Paolo e a gennaio 2018 siamo partiti per un viaggio a tempo indeterminato. Da allora giriamo il mondo con un budget di 10€ al giorno.

SCOPRI TUTTO NEL NOSTRO LIBRO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *